International art prize Giotto presenta la Mostra Divina Bellezza.

International Art Prize Giotto indice la prestigiosa mostra istituzionale “Divina Bellezza”, Visioni d’arte e di poesia che si terrà dall’11 al 16 ottobre presso la Biblioteca e sala Museo Elio Vittorini, Via Roma 31, Palazzo del Governo, Ortigia, col Patrocinio gratuito del Libero Consorzio Comunale di Siracusa per concessione del Commissario straordinario dott. Domenico Percolla.
Grande evento etico del Cetamen 2021, lo spazio espositivo di International Art Prize Giotto renderà omaggio alla storia e al territorio italiano nel suo articolato e poliedrico Universo d’arte, lasciando libera ispirazione sul tema che può essere trasposto in ogni stile pittorico e metafora filosofica.
Ideatrice del premio Melinda Miceli art critic and selector Enciclopedia d’arte italiana, presidente Certamen internazionale sulle Cattedrali, Ambasciatrice onoraria di Ediciones Matrioska, Spagna, Vicario internazionale per la Cultura e l’arte del Sovrano Ordine monastico dei Templari Federiciani. Il prestigiosissimo International Art Prize Giotto ha i seguenti patrocini morali: Enciclopedia d’arte italiana, Corriere nazionale, Arts Direct Francia, Luz cultural Spagna, Artes tv web, Globus, Informasicilia, Sovrano Ordine Monastico dei Templari Federiciani, Oscar delle arti, Pittart. Lo Spazio Espositivo all’interno di Palazzo Vermexio, Siracusa ha il fine di individuare e selezionare Artisti di talento, pittori scultori e fotografi, da valorizzare attraverso i propri media internazionali.
Il Comitato scientifico è composto da: l’ambasciatore Ray Bondin, il regista Stefano Reali, il critico Alberto Moioli direttore dell’Enciclopedia d’arte italiana, il fisico nucleare Jacek Ciborowsky con presidente il Critico d’arte Melinda Miceli.
Il critico d’arte Melinda Miceli preannuncia l’esclusività della prestigiosa mostra dal titolo ” Bellezza Divina- Visioni d’arte e di poesia  presentate le opere di artisti Vip come la fotografa Sivigliana Sensi Lorente che lavora per Vogue ed espone al Moma, Antonio Manzi artista degli Uffizi e gli internazionali Delta NA e Anna Maria Guarnieri autrice di celebri stendardi, altresi titolare del celebre portale d’arte Pittart.
Il critico d’arte Melinda Miceli scende di nuovo in campo per la difesa degli antichi valori e canoni che contraddistinguono da sempre il fare Arte e i Suoi storici protagonisti, ed in questo senso è stata orientata la selezione “scelta” degli Artisti di seguito elencati:
SEBASTIANO COSIMO AUTERI, PAOLO LORENZO GUERRAZZI NORDIO, SANDRO MASALA, DAVIDE MASTROIANNI per la fotografia.
MIMMO Allegra, GIANNA ETERNO, MARIA EMMA GOBBI, Cav. LUIGI MARIA MESSINA, ARMAMDO NIGRO, AMELIA PERRONE, VNCENZO PRESENTI, ANNA CONCETTA PORCINO, PASQUALE VISCUSO, per la pittura e il disegno.

Alessandra MARINACCI, SALVATORE FERLA, Cav. MARTINO SGALAMBRO per la poesia.

Annunciato altresì il gemellaggio del Premio Giotto a Sarno città festival, del noto organizzatore Alfonso Celentano. Motivazione decisiva l’allineamento storico delle vicende nefaste che hanno colpito sia l’interno della Cattedrale di Notre Dame sia la collina del Saretto di Sarno entrambe sfigurate da terribili incendi. Il Premio Ippogrifo d’oro Oscar delle arti, affidato alla direzione artistica del critico d’arte Melinda Miceli si svolgerà il 25 settembre 2021 a Sarno per una rinascita del territorio e un memorabile contributo all’arte ermetica dei libri di pietra i cui restauri sono sacri per la milizia degli artisti del Certamen del critico d’arte Melinda Miceli. Il certamen ha infatti ricercato quelle figure artistiche per far comprendere quale possa essere oggi la migliore rivisitazione dell’arte sacra e liturgica.

Gli artisti che vogliono valorizzare la loro opera di arte sacra e o simbolica potranno previa selezione essere inclusi nella collezione del Certamen senza donare l’opera ma con altre modalita’ molto vantaggiose per il coefficiente dell’autore e dell’opera.
Il 16 ottobre si terrà la presentazione del celebre libro Templaris Compendium del Critico d’arte Melinda Miceli, ritenuto il vertice della letteratura templare del 21 secolo da numerose testate, già presentato in location storico artistiche uniche come Villa Condulmer e Castello d’Avila in Spagna.

Lascia un commento